0 2 minuti 3 mesi

Il Comando Provinciale Carabinieri di Arezzo nell’ambito della prosecuzione della campagna nazionale di rafforzamento dei controlli ai cantieri edili pubblici e privati, disposta dal Comando Generale dell’Arma, ha implementato in tutto il territorio aretino mirati servizi delle Stazioni congiuntamente con i colleghi del Gruppo Carabinieri Forestale e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro.
Le attività ispettive iniziate dal mese di febbraio, hanno un duplice scopo, la prevenzione degli infortuni professionali ed il rispetto delle molteplici normative in materia di lavoro e di ambiente.
Ieri mattina ad Arezzo i militari dell’Arma locale collaborati da quelli delle specialità hanno avuto accesso ad un’area in cui è in corso il rifacimento di un esercizio commerciale, qui il responsabile delle ditta edile è stato ritenuto responsabile di una serie di violazioni e dovrà risponderne all’A.G., infatti: non avrebbe fornito ai lavoratori idonei dispositivi di protezione individuale contro le cadute dall’alto non avrebbe preso provvedimenti necessari in materia di primo soccorso (mancanza di cassetta medica), volti a tutelare i lavoratori durante la propria quotidiana opera.
A carico della citata società veniva disposto il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale per gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro, nel medesimo sono state elevate ammende e sanzioni per circa 2.400 euro.
Nelle prossime settimane in tutta la provincia di Arezzo proseguiranno i controlli e le verifiche dei militari dell’Arma

Commenti