0 3 minuti 2 mesi

A fronte della chiusura dallo scorso ottobre 2021 dello spazio Playground situato nei pressi dell’Istituto scolastico Cavallotti, ho presentato interrogazione per conoscerne il destino e per capire se e come l’amministrazione comunale si sia mossa o intenda muoversi per continuare ad assicurare la possibilità alla cittadinanza, specie giovanile, di allenarsi e di usufruirne in maniera libera e gratuita, come è stato da nove anni a questa parte.

Tale spazio, se lasciato in queste condizioni, rischia di degradarsi velocemente rendendo vano il lavoro di chi lo ha reso fruibile fino ad oggi attraverso un progetto di recupero dell’ex campo da tennis in disfacimento, realizzato nel 2012-2013 dall’ associazione Città di Castello Basket; un progetto di recupero che venne presentato e ottenne l’assenso di tre enti pubblici: la Scuola, il Comune e la Provincia di Perugia i cui rappresentanti pubblici trovarono un accordo, fino alla firma di una convenzione (22 ottobre 2012) con la quale  la Provincia di Perugia sanciva la concessione in comodato gratuito per 9 anni dell’area alla Associazione Città di Castello Basket. Scaduta la convenzione ad ottobre 2021 e non essendo stata rinnovata, di fatto il campo è chiuso da sette mesi e i ragazzi, che in questi anni difficili vi hanno trovato sfogo e divertimento, restano impossibilitati ad utilizzarlo. 

L’utilità di un tale spazio è evidente e restano di difficile comprensione i motivi dei ritardi degli enti pubblici coinvolti: ogni giorno che passa aumenta il rischio che si degradi e vada perduto sia l’investimento (pubblico e privato) fatto sia l’impegno dei tanti volontari che senza alcun compenso lo hanno recuperato, sistemato e mantenuto rendendolo fruibile a chiunque volesse. Quello che più interessa dunque è che si faccia presto e si dica cosa si intende fare, per garantire che i ragazzi possano tornare ad utilizzarlo per socializzare ed allenarsi in libertà.

Commenti