0 3 minuti 1 mese

Con una interrogazione i consiglieri del Pd Federico Bevignani e Roberto Brunelli segnalano al sindaco Luca Secondi e alla giunta la situazione pericolosità dell’incrocio tra via Etruria, via degli Armanni e via Benedetto Croce a Trestina, chiedendo di intervenire con la realizzazione di una rotatoria. Nel far presente che la competenza sulla strada sia della Provincia di Perugia, i rappresentanti della maggioranza invitano l’esecutivo a “demandare agli Uffici Comunali competenti l’onere di avanzare presso questo ente territoriale la richiesta di giudizio di fattibilità di una rotonda, che, ha in questo caso una duplice utilità fondamentale: risolvere il problema della pericolosità dell’anzidetto incrocio e imporre ai veicoli, sia in ingresso che in uscita dal centro abitato, di ridurre la velocità di percorrenza”.

“Nel caso che il giudizio di fattibilità della suddetta rotonda sia positivo – aggiungono Bevignani e Brunelli – sarebbe necessario avanzare alla Provincia di Perugia la richiesta che l’opera venga progettata, finanziata e realizzata in tempi celeri”. “La strada provinciale 104, che si protrae da Trestina verso le frazioni situate nella vallata del fiume Nestore, è interessata da un traffico abbastanza intenso ed essendo la strada di conformazione alquanto rettilinea è percorsa dalla maggior parte dei veicoli a velocità sostenute”, puntualizzano i consiglieri del Pd, evidenziando che “è in prossimità dell’abitato di Trestina, dove la SP 104 prende il nome di via Etruria e si interseca con le due strade comunali di via degli Armanni e di via Benedetto Croce, che ci si trova di fronte ad una palese situazione di pericolosità”.

“La velocità elevata dei veicoli sia in ingresso che in uscita dal centro dell’abitato ha fatto sì che tale incrocio si sia trasformato nella scena di numerosi incidenti nel corso del tempo”, affermano Bevignani e Brunelli, nel richiamare l’attenzione sul fatto che “la SP 104 sia affiancata anche da un marciapiede che conduce al cimitero locale e alla zona artigianale di Breccione, percorso soprattutto in estate da numerose persone che vanno a camminare a piedi”. “Anche per tal motivo, sia l’incrocio che la velocità dei veicoli comportano una notevole fonte di rischio per i pedoni”, ribadiscono i rappresentanti della maggioranza.

Commenti