0 3 minuti 1 settimana

“Fin da giovedì sera, quando arrivavano le prime notizie critiche sul maltempo, da Cantiano e da Pietralunga, il vescovo Luciano Paolucci Bedini ci ha subito chiamato e mandato vari messaggi per chiedere informazioni sulla situazione. Lo stesso è accaduto venerdì, quando ha parlato anche con il sindaco Ceci e parlare con lui per valutare la situazione”.
È il parroco di Pietralunga, don Francesco Cosa, a raccontare della visita che il Vescovo di Città di Castello ha fatto questa mattina, dopo quella di ieri nella parrocchia marchigiana di Cantiano, in diocesi di Gubbio.


Qualche minuto prima delle ore 9.30, il vescovo Paolucci Bedini è arrivato nella chiesa parrocchiale di Santa Maria a Pietralunga, incontrando innanzitutto le persone che uscivano dalla messa domenicale e con le quali si è intrattenuto. Poi ha salutato i ragazzi della Protezione civile, insieme a sindaco, vicesindaco e assessori che erano venuti in piazza. Un momento di incontro nel quale il sindaco Ceci ha raccontato e descritto quali sono le criticità sul territorio di Pietralunga, sia da parte degli abitanti sia per quanto riguarda le aziende, che hanno avuto i problemi più evidenti.


Da domani mattina, dopo aver tirato via fango e detriti dai capannoni e dai laboratori artigianali, gli imprenditori pietralunghesi conteranno i danni, che appaiono già enormi. Insieme al parroco don Francesco, il vescovo Luciano ha fatto un giro nella zona industriale e incontrato alcuni titolari di aziende, che hanno mostrato i danni e raccontato di questa terribile esperienza.


“Claudia Procacci – racconta don Francesco – ha testimoniato la solidarietà, quella di un centinaio di persone che l’hanno aiutata proprio nella sua azienda. Non si è sentita sola e questo per lei è stato molto importante. Poi la visita in un’azienda di metalmeccanica, quella di Giorgio Martinelli, dove ancora stavano lavorando i ragazzi della Protezione civile. Anche qui ci sono danni davvero ingenti”.
Come per le zone di Cantiano e Scheggia nella diocesi di Gubbio, anche a Pietralunga la curia diocesana tifernate sta valutando bisogni e necessità per le quali disporre interventi adeguati.

Commenti