Ad Anghiari ingegneria naturalistica a difesa del territorio: stretta collaborazione tra Consorzio di Bonifica e Comune per mitigare il rischio idraulico che minacciava infrastruttue, case e coltivazioni vicine

Data:

Una strada che rischiava di restringersi progressivamente scivolando nell’alveo;
case e campi resi spesso irraggiungibili a causa di allagamenti; coltivazioni di
tabacco, che ad ogni precipitazione intensa, finivano sott’acqua, con perdite di
prodotto significative e gravi danni economici per le imprese agricole.
Il Fosso della Reglia, alias Reglia dei Mulini, in località Molinello, nel comune di
Anghiari, da risorsa (da cui attingere tra l’altro acqua per l’irrigazione) si era
progressivamente trasformata in minaccia.
A luglio la segnalazione e il sopralluogo congiunto dei tecnici del Comune con i
colleghi del Consorzio di Bonifica per valutare la situazione e definire la “terapia”
più adeguata.
La cura è iniziata ad ottobre: il Consorzio è intervenuto per ricostruire e prolungare delle
opere di ingegneria naturalistica presenti con funzione di difesa spondale.
“L’intervento – spiega l’ingegner Enrico Righeschi, referente di area del Settore
Idrogeologico – ha previsto la risagomatura delle sponde in frana e il successivo
inserimento di palificate e tavole di contenimento in legno in sostituzione di quelle
ammalorate o in prosecuzione delle stesse nei tratti interessati dagli scoscendimenti.

Una volta ripristinata la corretta sezione di deflusso, per la successiva stabilizzazione
spondale, è stato utilizzato prevalentemente legno di castagno, con pali di 3 metri dal
diametro di circa 20 cm, posti ad interasse di circa 50 cm. L’intervento ha riguardato oltre
200 metri di sponde per un totale di circa 50 metri di inserimento di opere in ingegneria
naturalistica”.
Oggi l’inaugurazione dell’intervento completato, alla presenza del vice sindaco di Anghiari,
Claudio Maggini; della Presidente del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno Serena
Stefani e dell’ingegner Enrico Righeschi; dei cittadini che vivono e lavorano nell’area
attraversata dal Fosso della Reglia.
“Ancora una volta la dimostrazione che la stretta collaborazione tra enti e un rapporto di
fiducia con i cittadini, consente di studiare soluzioni rapide e utili per il territorio”,
commenta la Presidente del Consorzio Serena Stefani. “Informata dai cittadini, in
collaborazione con il comune, il mio Ente si è subito attivato per affrontare e risolvere la
criticità del corso d’acqua che rischiava di danneggiare la strada di accesso ad abitazioni
e coltivazioni limitrofe. A distanza di poco tempo, i lavori sono stati completati: la soluzione
della problematica idraulica, ispirata all’ingegneria naturalistica, inoltre si armonizza alla
perfezione con gli interventi realizzati precedentemente, è a basso impatto ambientale e
si integra bene nel contesto agricolo dell’area”.
“Si tratta di un’opera importantissima per la sicurezza del territorio. E’ frutto della bella
collaborazione che esiste con il Consorzio da sempre. Fin dal 2016, quando, appena
insediata la giunta, il territorio comunale subì un’alluvione. Abbiamo apprezzato subito la
velocità e la professionalità con cui il Consorzio riuscì a completare gli interventi necessari
per ripristinare le condizioni di sicurezza. Ancora oggi questa sinergia continua a dare
buoni frutti”, aggiunge il vice sindaco Claudio Maggini.
Soddisfazione anche per gli imprenditori agricoli. Per tutti parla Alessandro Neri
dell’Azienda agraria il Cantone . “In questa zona insistono diversi ettari di terreno coltivati
a tabacco. Ogni volta che la strada finiva sott’acqua erano impossibili da raggiungere, per
l’ordinario svolgimento delle lavorazioni. La mancata funzionalità della Reglia, inoltre, si
portava al seguito conseguenze indirette come il fermo delle acque provenienti da
Montedoglio e il mancato allontanamento delle acque dal territorio comunale che si raccolgono al suo interno. Con la messa in sicurezza della sponda insomma anche i
campi di tabacco e le altre attività oggi sono in maggiore sicurezza”.
“E’ un intervento utile e realizzato con le modalità più adeguate. L’adozione della
palizzata per rinforzare la sponda crollata è in perfetta sintonia con la storicità della Reglia,
ex Reglia dell’Acqua Viola, realizzata nel 1200/1300, grazie a un accordo tra Anghiari e
Sansepolcro, per lo spostamento del corso del Tevere. Allora la Reglia portava l’acqua a
una decina di mulini che lavoravano il guado, ovvero una pianta officinale tintoria
chiamata anche “oro blu”, che dava un singolare colore al canale”, racconta Loretto Ricci,
scultore per passione e studioso di tradizioni locali, con la casa affacciata sull’asta fresca
di sistemazione.
Oggi l’acqua non è più viola, i mulini con l’arrivo dell’indaco hanno smesso di lavorare il
guado e, in alcuni casi, hanno proprio smesso di lavorare, ma il Fosso della Reglia svolge
sempre un ruolo strategico. Ben lo sa Mario Checcaglini, che abita nelle sue vicinanze. Il
primo a segnalare il problema al comune e poi al Consorzio: “La sponda che regge la
strada stava crollando, con gravi pericoli per la fruibilità dell’infrastruttura, l’unica di
collegamento in questo versante del paese. La risposta dei due enti è stata rapidissima.
Cosa non sempre facile, tenendo conto dei tempi della pubblica amministrazione”.

Commenti

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related