0 3 minuti 1 settimana

Dialogo attorno al San Sebastiano del Guercino. Il nuovo format, “cultura, arte e musica in “bottega”, ideato dal maestro Stefano Lazzari, titolare della Bottega Tifernate assieme al padre Romolo e alla sorella Francesca, prosegue con una nuova ed inedita iniziativa in programma, venerdì 26 novembre alle ore 17, presso i locali dell’azienda a Città di Castello in via C.Treves 14, leader a livello mondiale nella riproduzione di opere d’arte di ogni genere. Una scena dipinta su una grande tela dal Guercino (Giovan Francesco Barbieri), una interpretazione artistica del racconto storico di Sebastiano, capo della guardia imperiale, punito con le frecce, soccorso dalla nobile Irene. Esamine, con lo splendido corpo martoriato, è curato da un medico che estrae il ferro dalle ferite mentre Irene aiuta, assistita dalla serva fedele. Chi guarda è colpito dalla maestria del disegno, dalla vivezza dei colori e dalla complessità delle immagini Guercino, ancora giovane, descrive il momento dopo il supplizio con nuovo realismo. Geniale e sperimentatore, ci riporta alle azioni del soccorso e della cura forse a significare la concreta possibilità della guarigione e la virtù di chi si adopera per la salvezza e la rinascita.

La bottega tifernate ha lavorato alla restituzione del dipinto creando una copia, di poco ridotta, del capolavoro esposto alla pinacoteca di Bologna. “È stato come rielaborare e fissare tecniche e segreti e riscoprire la preziosità dei colori, osservando le scelte del grande genio secentesco. È un’occasione per dialogare “in bottega” come si faceva un tempo, partendo dalle storie, dal disegno e dai contenuti di un soggetto. Attorno a San Sebastiano si parlerà del soldato, poi Santo, divenuto emblema della resistenza alla peste e, dunque, della malattia e della cura come speranza e rinascita, anche attraverso l’arte. Sarà un incontro multidisciplinare, con professionalità diverse”, precisa il maestro Lazzari. Relatori d’eccezione saranno davanti al quadro e ai suoi protagonisti, a vivere l’emozione di un incontro speciale.

Interverranno: Marina Mattei (archeologa e storica dell’arte antica), Ugo Pastorino (chirurgo e amante dell’arte), Massimo Pulini (artista, storico dell’arte) grande conoscitore del Guercino, autore di molti studi e scoperte. A rendere il pomeriggio artistico ancora più interessante sarà la musica del maestro Fabio Battistelli al clarinetto e Stefano Falleri alla chitarra. Info e prenotazioni: Bottega Tifernate, www.bottegatifernate.com, tel. 075-8511651, info@bottegatifernate.com.
L’ingresso è consentito previo Green pass e nel rispetto delle norme anti Covid, fino ad esaurimento posti.

Commenti