0 2 minuti 4 mesi

“La politica degli affidamenti di servizi pubblici essenziali ad aziende private è profondamente sbagliato. Le offerte al ribasso, a volte, possono non garantire la massima qualità. Quello che si è verificato in questi giorni sul traporto scolastico non può e non deve passare in secondo piano. Abbiamo ricevuto numerose telefonate di famiglie che hanno lamentato disservizi, mi spiego meglio. Si sono verificati casi in cui i bambini non sono stati prelevati negli orari stabiliti, questo che ha costretto i genitori a recarsi personalmente nel plesso scolastico, per garantire che i propri figli potessero arrivare in orario per l’inizio delle lezioni, ritardi nel rientro degli studenti presso le proprie abitazioni, mezzi di trasporto inadatti a recarsi in alcuni luoghi del territorio, questioni che devono essere chiarite e al più presto da chi ha preso decisioni, che di fatto, hanno cambiato abitudini consolidate da oltre 30 anni. Pare che il servizio, stia migliorando, questo è bene, ma tali decisioni dovrebbero essere comunicate per tempo ai cittadini, la pandemia ha cambiato le nostre abitudini, ma questo non può essere un’alibi. Credo che la scelta del Sindaco di Citerna Enea Paladino, di non uniformarsi alle decisioni elle amministrazioni di Città di Castello e San Giustino sia la più saggia. In questi casi quello che conta non è quanto si può risparmiare, ma quanto sia efficiente il servizio reso alla comunità. In tutto sincerità, i tagli al bilancio comunale devono essere applicati ad altri capitoli di spesa, non a servizi indispensabili come il trasporto scolastico. Avrò cura, nei prossimi giorni, di controllare nel dettaglio a quanto ammonta il risparmio della scelta adottata dalle amministrazioni di Città di Castello e San Giustino, così che i nostri concittadini possano esser adeguatamente informati”

Lucia Vitali (Patto Civico per San Giustino) "sbagliato risparmiare su essenziali come il trasporto scolastico, in questi casi conta solo qualità e certezza del servizio"

"La politica degli affidamenti di servizi pubblici essenziali ad aziende private è profondamente sbagliato. Le offerte al ribasso, a volte, possono non garantire la massima qualità. Quello che si è verificato in questi giorni sul traporto scolastico non può e non deve passare in secondo piano. Abbiamo ricevuto numerose telefonate di famiglie che hanno lamentato disservizi mi spiego meglio. Si sono verificati casi in cui i bambini non sono stati prelevati negli orari stabiliti, questo che ha costretto i genitori a recarsi personalmente nel plesso scolastico, per garantire che i propri figli potessero entrare in orario per l'inizio delle lezioni, ritardi nel rientro degli studenti presso le proprie abitazioni, mezzi di trasporto inadatti a recarsi in alcuni luoghi del territorio, questioni che devono essere chiarite e al più presto da chi ha preso decisioni che hanno di fatto cambiato abitudini consolidate da oltre 30 anni. Credo che la scelta del Sindaco di Citerna Enea Paladino, di non uniformarsi alle decisioni elle amministrazioni di Città di Castello e San Giustino sia la più saggia. In questi casi quello che conta non è quanto si può risparmiare, ma quanto sia efficiente il servizio reso alla comunità. In tutto sincerità, i tagli al bilancio comunale devono essere applicati ad altri capitoli di spesa, non a servizi indispensabili come il trasporto scolastico. Avrò cura, nei prossimi giorni, di controllare nel dettaglio a quanto ammonta il risparmio della scelta adottata dalle amministrazioni di Città di Castello e San Giustino"

Posted by Primo Piano Notizie on Sunday, January 16, 2022
Commenti