0 2 minuti 6 giorni

Ha partecipato alle riunioni della territoriale dell’Alta Valle del Tevere di Confindustria Umbria fino a che gli è stato possibile ed è rimasto fino alla fine un punto di riferimento per gli imprenditori della sua terra. La scomparsa del Commendator Antonio Gasperini ha suscitato profondo cordoglio tra gli imprenditori della Sezione Alta Valle del Tevere di Confindustria Umbria.

“La scomparsa del Commendator Antonio Gasperini rappresenta una grave perdita per il nostro territorio – sottolinea Raoul Ranieri, presidente della Sezione Alta Valle del Tevere di Confindustria Umbria – Imprenditore stimatissimo da tutti, è stato eletto e riconfermato per tanti anni alla guida dell’Associazione industriali dell’Alta Valle del Tevere ed uno dei punti di riferimento più autorevoli dell’economia locale. Anche negli ultimi anni della sua vita non ha mai mancato di portare il suo sempre costruttivo contributo all’attività dell’Associazione”.

Antonio Gasperini aveva dedicato gran parte della vita alla sua impresa, lo Scatolificio Gasperini di cui è stato titolare e presidente insieme alla figlia Alessandra e al genero Eros Colcelli amministratori delegati. L’impegno in azienda non gli ha impedito di dedicarsi anche al mondo associativo, oltre ad aver guidato la territoriale per più mandati è stato presidente della Sezione Grafica e Cartotecnica di quella che allora era Assindustria Perugia.

“Antonio – ricorda Ranieri – è stato uno straordinario imprenditore dedito al lavoro e alla vita associativa. Profondo conoscitore del suo settore e da sempre innamorato della sua città e della sua terra. Ci mancherà davvero molto”.

Commenti