Al XXXVI Meeting Galluzzi la festa del nuoto che non si ferma mai a nessuna età: per due giorni oltre 500 atleti in vasca appartenenti a 66 squadre da tutta Italia

Data:

Numeri da record e la grandissima energia del nuoto che non si ferma mai a nessuna età, che fa stare bene in acqua e fuori dall’acqua. La formula del Meeting Internazionale Italo Galluzzi di Città di Castello continua a mietere successi. Lo ha dimostrato anche la XXXVI edizione della manifestazione, la più longeva in Italia nella categoria master, che nel fine settimana del 3 e 4 giugno ha richiamato alla piscina comunale di via Engels 510 atleti e 66 squadre provenienti da tutta Italia, con 108 staffette in totale. Riscontri di partecipazione di assoluta eccellenza nel panorama natatorio nazionale, nel contesto della passione forte e condivisa che si respira in questo appuntamento, resa davvero percepibile dal clima di serenità ed entusiasmo che ha caratterizzato per due giorni l’impianto tifernate.

“Il miglior modo di onorare lo sport e anche la memoria di Antonio Giambi, un amico del nuoto e di tutti coloro che per decenni hanno partecipato al Meeting Galluzzi”, sottolinea l’assessore allo Sport Riccardo Carletti, che si complimenta con i nuotatori tifernati e con Polisport “per l’impeccabile organizzazione della manifestazione, che ancora una volta ha fatto fare una bellissima figura alla nostra città, dove non a caso da oltre trent’anni atleti provenienti da tutta l’Italia arrivano per nuotare in un impianto che è un vanto per l’amministrazione comunale e per l’intera comunità tifernate”. “Il Meeting Galluzzi ci rende davvero orgogliosi – aggiunge Carletti – perché è l’emblema della passione dello sport che non si spegne mai e dello spirito più sano della competizione, dove è bello confrontarsi, ma soprattutto stare insieme”. Alla memoria di Giambi è stato intitolato il premio “Lello d’oro”, ispirato al soprannome con cui tutti lo conoscevano. Il riconoscimento è andato a sottolineare la prestazione di Davide Marzocchi, del Vela Nuoto Ancona, che ha realizzato il più alto punteggio tabellare, ovvero il punteggio che premia la miglior prestazione cronometrica in rapporto all’età dell’atleta, nella specialità dei 50 metri stile libero nella quale Antonio era stato campione italiano master.

A consegnare il premio sono stati i figli Daniele e Riccardo, circondati dall’abbraccio di tutti gli atleti presenti. “Un momento davvero toccante per noi che lo conoscevamo da una vita, ma anche per gli amici che Antonio si era fatto in tutta Italia con questa manifestazione, di cui è stato uno dei promotori e soprattutto il simbolo della passione per il nuoto”, evidenzia il presidente dei Nuotatori Polisport Valentino Cerrotti, nell’esprimere “la soddisfazione per la riuscita di un appuntamento che è punto di riferimento nazionale del nuoto master, ma è soprattutto una festa per tutti coloro che partecipano, con il clima di amicizia e sportività che è un valore aggiunto del successo dell’evento”. A offrirne l’immagine più vivida è stata la vasca circondata dall’entusiasmo degli atleti e degli organizzatori, ma ancor di più il “terzo tempo” del Galluzzi, la celeberrima conviviale “Porchettando” nella quale sabato si sono ritrovato circa 250 atleti, e lo “Staffettone dell’amicizia”, che ha visto scendere in vasca 328 atleti di tutte le squadre presenti. Sotto il profilo sportivo al Meeting è mancata solo la soddisfazione di stabilire un nuovo record sportivo, abitudine divenuta piuttosto ricorrente negli ultimi.

Quest’anno il tentativo di primato italiano nella staffetta 4×200 stile libero maschile del Centro Nuoto Bastia è fallito veramente di pochissimo, ma la manifestazione ha riservato spettacolo davvero a ogni bracciata. A vincere in acqua sono stati ancora una volta i Nuotatori Tifernati Polisport, che, come a ogni edizione, per fair play e dovere di ospitalità si sono tolti dalla graduatoria finale e hanno lasciato spazio alle altre squadre partecipanti. A salire sul gradino più alto del podio sono stati quindi gli atleti del Centro Nuoto Bastia, che hanno preceduto rispettivamente il Villa York Sporting Club di Roma e il Vela Nuoto di Ancona. “Un sentito ringraziamento – conclude Cerrotti – va a Polisport, per la perfetta preparazione della vasca e dell’impianto in generale, ma anche al sindaco Luca Secondi e all’assessore Riccardo Carletti per esserci sempre vicini nella difficile e impegnativa organizzazione di questo importantissimo appuntamento sportivo”.

Commenti

Share post:

Subscribe

spot_imgspot_img

Popular

More like this
Related